Questo post fa parte della serie sul matrimonio celtico, puoi trovare tutti gli altri post qui
Se invece vuoi scoprire come organizzare un matrimonio in una delle feste dell’anno celtico puoi andare qui


I celti trasmettevano la propria cultura solo oralmente (anche se per la scrittura ufficiale utilizzavano il greco). I detentori della cultura del popolo era i druidi, sacerdoti, ma anche consiglieri del re, guaritori, conoscitori dei movimenti cosmici e poeti. Essi si dividevano in tre categorie in base alla loro specializzazione e i bardi erano coloro che mantenevano nel tempo la conoscenza poetica. Studiavano più di 20 anni per arrivare a conoscere a memoria tutto il corpus di miti e storie necessarie.

I celti però avevano anche una forma di scrittura, chiamata Ogham (si legge Oam). Nel Libro di Ballymote si dice che questo alfabeto fosse stato creato da Ogma, un Dio celtico della battaglia, l’eroe guerriero che era però anche il Dio della scrittura. Egli lo diede agli uomini colti perché avessero un linguaggio segreto non utilizzabile dagli stolti.

Esistono varie versioni degli Ogham, ma qui prendo in considerazione quello che si può trovare nel libro Secret Languages of Ireland di Macalister. Egli ci dice che gli Ogham iniziarono ad essere utilizzati come forma di scrittura comune solo con il declino del druidismo, prima erano una scrittura rituale riservata agli adepti. I druidi infatti credevano che scrivere fossilizzasse il pensiero, che invece doveva essere libero di fluire attraverso la parola e non scrivevano la propria dottrina sia perché non volevano che venisse divulgata, sia perché non volevano perdere la capacità di memorizzazione. Gli Ogham all’inizio venivano quindi utilizzati solo tra i druidi per scambiarsi messaggi cifrati intagliando i segni su ramoscelli, per fissare nello spazio tempo gli effetti di un incantesimo o per la divinazione.

Si ipotizza che gli Ogham venissero utilizzati anche come lingua muta, indicando con la mano sinistra i punti corrispondenti a ciascuna lettera sulla destra.

L’aspetto più singolare degli Ogham è però il fatto che esso sia un alfabeto arboreo, ovvero venga rappresentato esattamente come un albero, con radici (in genere due trattini al fondo per segnare l’inizio), il tronco (il supporto su cui si scrive) e i rami (le lettere). Veniva tracciato su ramoscelli oppure su roccia, utilizzando l’angolo della roccia come tronco (come nella foto sotto), ma nel caso della scrittura muta potevano essere utilizzate come base anche il setto nasale o lo stinco della gamba. L’orientamento era dal basso verso l’alto, proprio come la crescita degli alberi, in modo che dalla terra il messaggio scritto salisse al cielo in una linea immaginaria che continua oltre alla struttura su cui si scrive.

Pietra incisa con Ogham: Fonte

Nell’alfabeto erano presenti 20 lettere, 15 consonanti e 5 vocali, orientate in modo diverso a seconda della famiglia (Aicme) della quale la lettera faceva parte. Si incideva quindi il legno o la pietra a destra, a sinistra o attraverso il fulcro (la linea centrale) per indicare le varie lettere.

Questo alfabeto viene anche chiamato Beth-Luis-Nion dalle prime tre lettere (un po’ come la parola alfabeto deriva delle prime due lettere dell’alfabeto greco: alpha e beta). Esso è un alfabeto arboreo anche perché ogni lettera è collegata ad un albero dal quale prende il nome (anche oggi nell’alfabeto irlandese moderno, le lettere hanno i nomi degli alberi) ed è proprio questo l’aspetto più interessante perché ancora oggi le sue lettere vengono utilizzate come simbolo per l’albero e soprattutto per il significato che quell’albero ha.

L’intero alfabeto, oltre a rappresentare gli alberi più importanti, doveva anche essere un sistema di organizzazione della conoscenza dei druidi. Ogni lettera doveva essere collegata ad altri concetti come: i nomi degli dei e le loro caratteristiche, i nomi delle piante e i loro poteri curativi, il nome degli animali e così via. Era quindi probabilmente che fosse anche un sistema di organizzazione mnemonico.

Robert Graves nel suo libro La Dea Bianca, ha anche ipotizzato un calendario arboricolo dei celti basandosi sugli Ogham. Non è accettato da tutti gli studiosi e la sua non è l’unica versione creata. I mesi dei celti erano 13 (basati sulle lunazioni) ed ogni mese durava 28 giorni, c’era poi un giorno supplementare, chiamato giorno tra i mondi, che non è identificato allo stesso modo da tutti gli studiosi. Pertanto, Graves ha collegato ad ogni mese lunare un albero, partendo dalla betulla con data 24 dicembre – 20 gennaio. Trovo però più affine alla mia idea la teoria di Riccardo Taraglio nel suo libro Il vischio e la quercia, che afferma che, essendo la betulla l’albero collegato a Brighit (la Dea di Imbolc) ed essendo l’albero degli inizi, il primo mese da citare, collegato a Beth sia febbraio e che il giorno supplementare coincida con Samhain, il giorno sospeso tra i mondi (poichè fine dell’anno precedente e inizio del successivo). Quindi per quanto riguarda il calendario seguirò quest’ultimo.

Trovo che quello del collegamento di ogni lettera a vari aspetti sia un tratto interessante ed utilizzabile all’interno della simbologia del proprio matrimonio, pertanto riporterò sotto per ogni lettera quante più informazioni simboliche possibili, in modo che ognuno possa scegliere di inserire quelle che preferisce nel proprio matrimonio.

Beth B betulla
Luis L sorbo selvatico
Nion N frassino
Fearn F ontano
Saille S salice
Huath H biancospino
Duir D quercia
Tinne T agrifoglio
Coll C nocciolo
Quert Q Melo
Muin M vite
Gort G edera
Ngetal NG canna di palude
Straif SS prugnolo
Ruis R sambuco

Ailm A abete d’argento
Onn O ginestrone
Ur U erica
Eadha E pioppo bianco
Idho I tasso

 

BETH – La Betulla

beth ogham

La betulla è l’albero dell’inizio. La sua pelle argentea la riconduce alla Luna e quindi alla Dea ad essa collegata, Brigit. La betulla si diffonde spontaneamente nel bosco e si adatta bene al freddo; è un albero del sacrificio, le sue foglie cadendo a terra danno nutrimenti a piante più grosse, come la quercia, che però crescendo possono togliere luce alla betulla e lasciarla quindi morire. I rami di betulla vengono utilizzati ovunque nel mondo per la purificazione. Esso è l’albero della rinascita della luce e della primavera (per i celti la primavera iniziava ad Imbolc).

La leggenda dice che la prima lettera degli Ogham fosse stata tracciata proprio sulla corteccia di betulla e per questo essa è diventata la protettrice della conoscenza. E’ però anche collegata all’amore. Molti poemi infatti fanno costruire agli amanti capanni di fresche di betulla e in alcune zone dell’Inghilterra quando una ragazza vuole incoraggiare un giovane a corteggiarla, gli dona un rametto di betulla che sta a significare l’inizio del corteggiamento.
Viene ancora oggi utilizzata per il tradizionale salto della betulla che gli sposi fanno subito dopo essersi uniti in matrimonio. Questo simboleggia l’inizio di una nuova vita insieme.

CALENDARIO: Per Taraglio la betulla corrisponde al mese lunare che va dal 1 Febbraio al 28 Febbraio, iniziando quindi il calendario nella festività di Imbolc dedicata alla Dea Brigit.

LUIS – Il sorbo selvatico

luis ogham

Il sorbo è anche chiamato albero della vita, è l’albero del risveglio e del ritorno alla vita. Il suo nome è legato al fuoco, inteso come albero di potere poiché i druidi lo utilizzavano durante i loro rituali di veggenza. Allontana la negatività, tiene lontane le azioni dispettose. Le donne scozzesi ancora oggi utilizzano le sue bacche per farsi una collana da portare come amuleto.

CALENDARIO: Per Taraglio il sorbo selvatico corrisponde al mese lunare che va dal 1 Marzo al 28 Marzo.

NION – Il frassino

nion ogham

Anche il frassino, insieme alla betulla, è il primo albero a rinascere su terreno incolto. Anche lui quindi simboleggia rinascita, trasformazione e iniziazione. Il frassino brucia anche da verde e il fumo che ne scaturisce è utilizzato come incenso benefico che si utilizzava anche come incenso per dare il benvenuto al bambino appena nato.

Le foglie del frassino portano fortuna, se ne coglieva una pronunciando una formula rituale e poi la si portava in tasca come talismano. Il frassino è anche l’albero dei giovani guerrieri poiché una lancia di frassino era la prima arma che veniva data ai ragazzi. è anche l’albero della guarigione per via delle sue qualità medicinali.

CALENDARIO: Il frassino corrisponde al mese lunare che va dal 29 Marzo al 25 Aprile.

FEARN – L’ontano

fearn ogham

L’ontano è legato all’acqua dove preferisce crescere. L’acqua per i celti era legata al passaggio all’Altromondo, che metteva in comunicazione vivi e morti, per questo l’ontano è l’albero del passaggio al mondo spirituale e simboleggia la risurrezione.
Il suo legno se messo in acqua diventa indistruttibile, tanto da essere stato usato nelle fondamenta per città come Venezia, Amsterdam e Ravenna. Rappresenta quindi anche la resistenza e la forza, anche perché il suo legno non brucia facilmente.
E’ il legno più utilizzato per la costruzione di strumenti musicali (flauti e cornamuse).

CALENDARIO: L’ontano corrisponde al mese lunare che va dal 26 Aprile al 23 Maggio.

SAILLE – Il salice

saille ogham

Anche il salice è legato all’acqua e nella tradizione anche alla Luna piena. è legato alla Dea Bianca, la grande Dea Madre e come lei rappresenta tutti i momenti della vita: come dispensatore di vita venivano appesi nastrini ai suoi rami per propiziare una nascita facile e come simbolo di morte. Il salice è l’albero dei poeti e della poesia.

CALENDARIO: Il salice corrisponde al mese lunare che va dal 24 Maggio al 20 Giugno.

HUATH – Il biancospino

huath ogham

Il biancospino è un albero particolarmente venerato nelle isole britanniche e ancora oggi la popolazione si oppone quando il comune vuole abbatterne uno. è legato all Dea nel suo aspetto di Vergine e porta fertilità. Non è utilizzato per i matrimoni ma il fiore di biancospino è simbolo di fertilità. Il biancospino è il fiore di Beltane ed è legato alla Dea che difende l’ordine delle cose (il caos della natura), legato alla femminilità. Rappresenta il selvaggio, la donna selvaggia che si rinnova ogni anno nel ciclo della vita ed è per questo che con il patriarcato è diventato simbolo negativo. è un albero sacro alle fate e la sua presenza su una collina indica anche la presenza di queste.

CALENDARIO: Il biancospino corrisponde al mese lunare che va dal 21 Giugno al 18 Luglio.

DUIR – La quercia

duir ogham

La quercia è l’albero della luce. Può vivere anche più di mille anni, rappresenta quindi la longevità ed essendo l’albero sacro ai druidi (dal quale prendono il nome) è anche l’albero del ricordo del popolo, che si tramanda di generazione in generazione. Rappresenta il contatto con gli antenati e con la terra.

Il termine Duir significa anche “porta”, è infatti l’albero della soglia tra i due mondi. è dedicato alla Triplice Dea. Il suo frutto, le ghiande, erano fatte farina ed erano simbolo di fertilità e di potere afrodisiaco.

CALENDARIO: La quercia corrisponde al mese lunare che va dal 19 Luglio al 15 Agosto.

TINNE – L’agrifoglio

tinne ogham

L’agrifoglio è un sempreverde che ancora oggi è utilizzato con il suo scopo di protezione da intenti e persone negative. Le porte delle case erano fatte di legno di agrifoglio oppure venivano adornate da rami di questo arbusto per proteggerle. è l’albero della protezione e della fortuna.

CALENDARIO: L’agrifoglio corrisponde al mese lunare che va dal 16 Agosto al 12 Settembre.

COLL – Il nocciolo

coll ogham

Il nocciolo è l’albero della conoscenza e la nocciola è il simbolo della conoscenza interiore. Esistono tantissimi miti che parlano del nocciolo e tutte narrano delle nocciole come del frutto dell’Altromondo che donano conoscenza a chi le mangia. Sono anche il simbolo della saggezza poetica.

CALENDARIO: Il nocciolo corrisponde al mese lunare che va dal 13 Settembre al 10 Ottobre.

QUERT – Il melo selvatico

quert ogham

Il melo selvatico era utilizzato come elemento acidulo nella produzione dell’idromele. La mela è uno dei frutti più presenti nella mitologia, è il simbolo della Dea. L’isola di Avalon era anche chiamata la terra delle mele. Il melo è l’albero dell’immortalità ed è legato a Samhain, la festività del passaggio dalla luce al buio.

Inoltre, se una mela viene tagliata in orizzontale invece che in verticale, mostra un pentacolo racchiuso in un cerchio, simbolo dell’uomo (formato da aria, acqua, fuoco, terra e spirito) racchiuso nell’universo (il cerchio).

MUIN – La vite

muin ogham

La vite è legata agli effetti del vino: a gioia, armonia, felicità, eccitazione ma anche ai suoi lati negativi come ira e intossicazione. è l‘insegnante che porta all’acquisizione di una conoscenza. è legata all’aspetto maschile e solare.

Non essendo la vite presente così a nord, si pensa che in realtà fosse la mora l’albero legato a Muin poiché anche da essa si ottiene una sorta di bevanda fermentata simile al vino.

CALENDARIO: La vite corrisponde al mese lunare che va dall’11 Ottobre al 7 Novembre.

GORT – L’edera

gort ogham

L’edera è legata all’aspetto femminile e lunare. Era utilizzata mischiata al vino, anche se velenosa, per avere visioni. Rappresenta la Dea in tutti i suoi aspetti e protegge dalla negatività.

CALENDARIO: L’edera corrisponde al mese lunare che va dal 8 Novembre al 5 Dicembre.

NGETAL – La canna di palude 

ngetal ogham

La canna di palude o giungo cresce in ambienti acquosi quindi è legata all’acqua. Il suo simbolismo è legato al segreto che viene sussurrato tra le sue foglie, alla regalità e al potere. è una pianta che rappresenta il maschile, come i re del passato che per poter governare sulla propria terra dovevano unirsi alla Dea.

La canna si specchia sulle acque su cui cresce quindi rappresenta l’interno e l’esterno, il materiale e lo spirituale, rappresentando l’armonia per raggiungere il Tutto.

CALENDARIO: Il tiglio corrisponde al mese lunare che va dal 6 Dicembre al 2 Gennaio.

RUIS – Il sambuco

ruis ogham

Il sambuco ha foglie verdi, fiori bianchi e bacche nere, per questo motivo è associato alla Triplice Dea: nascita, crescita e morte. Era anche il protettore della famiglia e veniva piantato vicino ai luoghi abitati dagli umani per proteggerli.

Ha talmente tanti utilizzi medicali che i contadini si inchinavano sette volte dinanzi al Sambuco per ringraziarlo dei suoi sette scopi curativi.

CALENDARIO: Il sambuco corrisponde al mese lunare che va dal 3 Gennaio al 31 Gennaio.

AILM – L’abete d’argento

ailm ogham

L’abete è l’albero della nascita, della benevolenza delle divinità, dell’immortalità, della promessa della vita. La tradizione dell’albero di Yule (poi passato ad albero di natale) deriva dalle popolazioni scandinave che in questo periodo tagliavano un abete e lo adornavano con candele, dolci ed elementi naturali per festeggiare la rinascita della luce.

CALENDARIO: L’abete argentato corrisponde al 23 Dicembre.

ONN – Il ginestrone

onn ogham

Il ginestrone o ginestra rappresenta il sole all’equinozio. Cresce in suoli poveri e con le sue sostanze li rende ricchi. Per questo motivo rappresenta lo sviluppo e la crescita che avvengono nonostante le difficoltà.

CALENDARIO: Il ginestrone corrisponde all’equinozio di primavera.

UR – L’erica

ur ogham

Nella storia l’erica era il letto del viaggiatore e anche nelle case veniva raccolta per creare giacigli. Si dice che un letto d’erica sia in grado di restituire la forza. Simboleggia la buona fortuna e porta passionalità, amore e compagnia. I suoi fiori erano pegni d’amore per le giovani coppie.

CALENDARIO: L’erica corrisponde all’equinozio d’autunno.

EADHA – Il pioppo bianco

eadha ogham

Il pioppo è l’albero di Beltane (1 Maggio). I celti si riferivano al pioppo tremulo, che vive non più di 100 anni. Egli è un intermediario tra i mondi e si dice che le sue foglie siano in continuo movimento perché ricevono i segreti del Sidhe (l’Altromondo celtico).

Nel mito il pioppo incorona coloro che sono riusciti a portare a termine il percorso di iniziazione tra i mondi senza perdersi. Era quindi un albero legato alla morte ed alla rinascita spirituale. Portato addosso si dice porti lunga vita.

CALENDARIO: Il pioppo bianco corrisponde a Beltane (1 Maggio).

IDHO – Il tasso

idho ogham

Il tasso è l’albero del buio, è un albero longevo, vive anche duemila anni. Nel tempo è stato quasi completamente eliminato dal nostro territorio perché i noccioli dei suoi frutti e le foglie sono velenose e si aveva paura potessero uccidere i bambini. Per la sue velenosità è collegato alla morte e quindi anche alla rinascita, per questo era anche considerato albero della forza e della guarigione.

CALENDARIO: Il tasso corrisponde a Samhain (1 Novembre).

 

 

Durante Beltane 2020 ho organizzato un evento gratuito online sul mio canale YouTube per festeggiare insieme con conferenze e concerti. Una delle conferenze era di Sara | Storie di foglie, che ci ha parlato dei Nove legni sacri di Beltane. Ha fatto un lavoro talmente bello e completo che sono felice di potertelo mostrare qui sotto. Metti in play e dopo non dimenticarti di scaricare il suo ebook gratuito nel quale puoi scoprire tutte le curiosità e le fonti. Puoi scaricarlo al fondo di questo articolo.

 


BIBLIOGRAFIA:

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi approfondire di più il mondo celtico puoi andare qui, trovi un articolo introduttivo sul matrimonio celtico e al fondo un insieme di link utili!

Se vorresti sposarti durante una delle feste della ruota dell’anno allora puoi scaricare il regalo che ho creato per te, basta che inserisci i tuoi dati qui sotto 🙂

 


.

Sai cos'è la cerimonia simbolica?Voglio scoprirlo