Chi sono

Federica Cosentino - Nature Wedding PlannerMi chiamo Federica, sono una Nature Wedding Planner e ti aiuto ad organizzare il tuo matrimonio simbolico nella natura.
Credo nel matrimonio come un atto libero d’amore, una promessa lontana dalle costrizioni dettate dalla religione.

Organizzo matrimoni simbolici, laici o di ispirazione pagana e neopagana, che abbiano un significato profondo, per rendere unico e indimenticabile questo giorno.

Ho una mia spiritualità, legata alla natura, ma non seguo nessuna religione.
Nella nostra cultura questo sembra impossibile, ma spiritualità e religione non sono legate come si immagina. È per questo che credo fortemente che anche chi non è religioso debba avere la libertà di scegliere se inserire la propria spiritualità nel proprio rito.

Da me puoi aspettarti comprensione, qualsiasi sia la tua idea e filosofia di vita.

 

Lotto perché tu possa essere totalmente te il giorno del tuo matrimonio.

 

Voglio che tu abbia la cerimonia che vi rappresenta e che non ti debba accontentare di un asettico matrimonio civile o di un matrimonio in chiesa solo per la scenografia.

Federica Cosentino - Nature Wedding Planner

Devi sapere che mi sento molto vicina alla natura e ad una vita secondo i suoi ritmi.
Ho lasciato la città dove sono nata e cresciuta per un piccolo paesino di montagna.
Amo la tranquillità felice che è diventata ora la mia vita. Mi piace alzarmi la mattina con il sorgere del sole e poter guardare le stelle la notte cercando le costellazioni con le dita, come facevo da bambina. Credo che le persone dovrebbero tornare ad una vita più semplice, fatta di piccole cose felici ogni giorno.

Lavoro nel rispetto della natura e allo spreco preferisco la sostenibilità delle risorse. Per me la natura è un tempio dove potersi scambiare promesse d’amore al cospetto della sacralità del mondo che ci ospita. È per questo motivo che non credo esistano luoghi più giusti per promettersi il proprio amore.

Sogno un mondo dove la Natura è messa al primo posto e le persone vivono seguendo i suoi cicli. Per questo con il mio lavoro valorizzo il mio territorio: il Canavese ed il Piemonte, anche se amo esplorare sempre nuovi spazi.

Sono la persona giusta per te

se condividi la mia filosofia di vita, se desideri un vero matrimonio di piena condivisione e se vuoi che rappresenti ciò che siete. Se non hai paura di metterti in gioco per realizzare ciò che desideri.

Non sono la persona giusta per te

se non credi nella sacralità della natura o se vuoi un matrimonio di sprechi e ostentazione.

Le cose che mi rendono più felice, in ordine:

la crema pasticcera

thè, biscotti, copertina e film

paracadutismo

i viaggi

i libri di Brandon Sanderson

il Quiraing sull’isola di Skye

tutte queste cose ma insieme a chi amo

La mia storia

Federica Cosentino - Wedding Planner - Canavese, PiemonteSono cresciuta in un paese poco distante da Torino: ho sempre pensato che fosse troppo vicino a Torino. Da bambina passavo molto tempo con i miei nonni, che mi lasciavano avere un piccolo pezzettino di terra e degli attrezzi in miniatura per coltivare.

Al contrario di molti miei amici, ho scelto di frequentare un liceo in Canavese invece che nella grande città. Volevo stare lontana dal traffico, dallo smog e dalla calca cittadina.

All’università ho scelto la Facoltà di Economia, anche se le mie passioni erano l’arte e la storia. Mi sarebbe piaciuto fare l’archeologa, ma un lavoro nel settore economico era quasi assicurato. Ho scelto la comodità invece che i sogni.

Durante quegli anni ho capito che non ero adatta alla vita in una grande città. Volevo essere il più lontana possibile dallo stress, da una vita senza natura, dall’ansia di rientro del lunedì. Desideravo poter coltivare il mio cibo, fare passeggiate nei boschi, non avere vincoli di orari o luoghi da frequentare: volevo trovare casa in Alto Canavese, il luogo in cui sono cresciuta e che amo con tutta me stessa.
Durante l’università non ho abbandonato la passione per la storia e la mitologia e mi sono concentrata sui popoli del nord. Ho continuato a leggere e a coltivare questa passione e la mia spiritualità. Non credevo che un giorno avrebbe fatto parte del mio lavoro.

Pensavo di non avere altra scelta, così ho accettato un lavoro nel marketing per un’azienda non abbastanza lontana da Torino. Un’azienda che inquinava, a cui non importava niente né dell’ambiente né delle persone.
Dopo 9 mesi, ho deciso che i miei sogni erano più importanti della sicurezza e me ne sono andata.

 

Come sono diventata Wedding Planner

L’incontro con il mondo dei matrimoni è capitato per caso, su internet. Non è stato amore a prima vista.

C’era una parte dell’organizzazione del matrimonio che mi piaceva: la ricerca del bello, l’armonia.
Lo spreco, l’ostentazione e la chiusura mentale italiana mi facevano arrabbiare.
Vedevo solo matrimoni in chiesa o in comune. Leggevo di spose che celebravano il proprio matrimonio con rito cristiano solo per la bella scenografia e le poche che andavano controcorrente, scegliendo un matrimonio simbolico, erano additate per aver scelto un matrimonio finto.

Così ho avuto la mia illuminazione: ho unito i puntini.

You can’t connect the dots looking forward; you can only connect them looking backwards.

La mia attività è nata così: non esisteva ed un secondo dopo era nella mia testa, chiara e perfetta nella sua linearità. Racchiudeva tutto ciò in cui sono brava e metteva al centro un bisogno enorme che in Italia non era accettato come possibilità di scelta.

Ho scelto di aiutare gli altri.

 

L’organizzazione per un matrimonio che funzioni e che non faccia stare in ansia gli sposi.

L’amore per la natura, perché un bel matrimonio non è quello che distrugge il mondo in cui viviamo.

La creatività per dare vita a qualcosa di unico e bello.

La passione per i popoli del nord per poter aiutare chi vuole un matrimonio simbolico di ispirazione pagana o neopagana, che rispecchi la propria spiritualità.

Il mio lavoro si basa su uno stile di vita lento e rispettoso di ciò che ci circonda, per essere di esempio per chi vuole cambiare la propria vita e pensa che non sia possibile.

Sai cos'è la cerimonia simbolica?Voglio scoprirlo