imbolc

DATA CONVENZIONALE | 1 Febbraio

DATA REALE | quando il Sole transita di 15 gradi nel segno dell’Acquario. Data variabile ogni anno, circa intorno al 4 di Febbraio

FESTA CELTICA LUNARE CHE SEGNA L’INIZIO DELLA PRIMAVERA

MESE LUNARE CELTICO | Anagantios “tempo della protezione” Festa legata all’allevamento. Era proprio in questo periodo, infatti, che gli animali del gregge davano alla luce i piccoli e le pecore allattavano, spesso dando il proprio latte anche ai bambini e facendoli così sopravvivere all’ultimo gelo dell’inverno ed alla mancanza di cibo.

NOMI DELLA FESTA | Imbolc (purificazione o grande pioggia, forse proprio con il significato di lavare via l’inverno) si pronuncia immolc, Oimelc (lattazione delle pecore), Cetsamhain, Brigantia, Féil Bridge (festa di Brigit)

COSA RAPPRESENTA | Imbolc è la festa della rinascita. Al solstizio d’Inverno la luce rinasce, ma è ad Imbolc che iniziamo a vedere le giornate allungarsi e, sebbene il freddo sia ancora pungente, qualcosa inizia a cambiare. Le popolazioni antiche erano profondamente legate alla terra ed essendo i celti abili allevatori, il loro ciclo era legato agli animali. Durante Imbolc gli animali davano alla luce i piccoli e, soprattutto il latte delle pecore era fonte di vita per i bambini e per gli anziani.

Imbolc è quindi un nuovo inizio, una nuova luce che cresce, è una festa legata alla purificazione prima dell’inizio della nuova stagione luminosa ed era molto probabilmente anche legata a riti di purificazione e di iniziazione.

Alla vigilia della festa, poiché per i celti il nuovo giorno iniziava al tramonto, le donne si riunivano per festeggiare la Dea Brigit, Dea del triplice fuoco, quella che è considerata la Dea Bianca, la Dea di tutta l’Irlanda. Ella però era onorata con altri nomi in tutto il mondo celtico ed in Italia, nella Gallia Cisalpina, era conosciuta come Belisama. Inoltre, nel corso di questa festa era probabile che venissero svolti anche riti di iniziazione per i poeti, in quanto la Dea Brigit è proprio Dea della poesia, e per i guerrieri, con l’utilizzo di erbe allucinogene.

Questa è una delle quattro feste del fuoco celtiche, infatti si accendevano grandi fuochi in tutto il villaggio. Era il momento in cui venivano benedetti i semi per la nuova stagione e, rappresentando la purificazione e il rinnovamento della luce, ci ricorda l’importanza del nostro rinnovamento personale. Questo è infatti il momento in cui iniziare a coltivare le novità, la creatività, le nuove idee nascoste, che ancora non si vedono e che vedranno la luce tra qualche mese.

DIVINITA’ DELLA FESTA | La Dea di questa festa è Brigit, la dea del triplice fuoco. Il fuoco non era considerato solo come calore, ma anche come forza creatrice (Dea dei fabbri), forza creativa (Dea dei poeti) e fuoco di guarigione (Dea dei guaritori).

Se vuoi scoprire tutto su Brigit puoi andare QUI, dove ti racconto di lei con passi tratti dal mio libro LE DEE IN CERCHIO

CORRISPONDENZE

L’energia della festa: Imbolc è il momento in cui iniziare a coltivare le novità, le nuove idee, la creatività, che tra qualche mese vedrà la luce. E’ il tempo di pulire i nostri spazi e lasciare entrare nuova luce e nuova aria in noi e nella nostra casa. Questo è il momento perfetto per prepararsi ai cambiamenti che affronteremo nella nostra vita nei prossimi mesi, il momento giusto per coltivarli, ed è giusto quindi prenderci anche del tempo per noi.

Colori: Bianco, giallo chiaro, verde delle nuove foglie, rosso chiaro del primo fuoco

 

L’albero della festagli ogham | LA BETULLA: La betulla è l’albero dell’inizio. La sua pelle argentea la riconduce alla Luna e quindi alla Dea ad essa collegata, Brigit. La betulla si diffonde spontaneamente nel bosco e si adatta bene al freddo. È un albero del sacrificio, le sue foglie cadendo a terra danno nutrimenti a piante più grosse, come la quercia, che però crescendo possono togliere luce alla betulla e lasciarla quindi morire. I rami di betulla vengono utilizzati ovunque nel mondo per la purificazione. Esso è l’albero della rinascita della luce e della primavera.

La leggenda dice che la prima lettera degli Ogham fosse stata tracciata proprio sulla corteccia di betulla e per questo essa è diventata la protettrice della conoscenza. È però anche collegata all’amore. Molti poemi, infatti, fanno costruire agli amanti capanni di fresche di betulla e in alcune zone dell’Inghilterra quando una ragazza vuole incoraggiare un giovane a corteggiarla, gli dona un rametto di betulla che sta a significare l’inizio del corteggiamento. Viene ancora oggi utilizzata per il tradizionale salto della betulla che gli sposi fanno subito dopo essersi uniti in matrimonio. Questo simboleggia l’inizio di una nuova vita insieme.

ATTIVITÀ

La Luce. se non hai un camino da poter lasciare acceso la notte tra l’1 e il 2 di Febbraio, scegli una candela abbastanza grande che bruci tutta la notte. Assicurati naturalmente che sia in sicurezza. Come le vestali tenevano acceso perpetuamente il fuoco di Vesta nell’antica Roma, anche per Brigit capitava una cosa simile a Kildare, dove 19 fanciulle tenevano acceso il fuoco sacro per 20 giorni, dove il ventesimo giorno era la Dea stessa a non farlo spegnere. Teniamo acceso il fuoco durante questa notte.

Pulizia della casa. Fai pulizia nella tua casa. Lascia entrare aria nuova e con lei le nuove idee e profuma la casa di lavanda e salvia. Porta dentro i primi rami fioriti, i primi fiori sbocciati e la prima aria nuova. Si dice che attraverso la scopa si metta fuori dalla porta la Dea dell’inverno e, una volta finito, accendendo una candela bianca, si porti dentro la Dea della primavera.

L’acqua. Il giorno di Imbolc ci si tuffava nelle acque gelate per scacciare il gelo e incoraggiare l’arrivo della primavera e del suo tepore. Le donne avevano anche la tradizione di fare un bagno di Imbolc in acqua mischiata a latte fresco. Il latte è un importante simbolo di Imbolc, di fertilità e di vita, è per questo che il bagno nel latte rappresentava sia la fertilità della donna, ma anche e soprattutto la fertilità creativa delle idee e la nascita della trasformazione che piano piano, dentro di noi, prende coscienza per nascere in primavera. Se hai dei cambiamenti che avverranno più in là, dei desideri che vorresti realizzare quest’anno, nella tua vita ma anche nella tua attività lavorativa, questo è il momento giusto per dedicargli del tempo, per elaborarli e farli nascere in primavera.

Il sonno. Si dice che i sogni di questa notte siano rivelatori. Per ricordare i tuoi sogni e per scacciare gli incubi, si può creare un cuscino dei sogni, una fodera di tessuto al cui interno si mettono delle erbe e che si posizione sotto il cuscino da notte.

Se vuoi un sonno sereno: lavanda, camomilla, valeriana, timo, verbena

Se vuoi fare sogni rivelatori: artemisia, camomilla, sandalo, gelsomino, foglie di limone

CIBO

IL THE IN CAFFETTIERA: Questa ricetta l’avevo trovata qualche anno fa ma non ricordo più dove, comunque è diventata una delle merende che amo di più in questo periodo. In una caffettiera al posto dell’acqua metti del latte mischiato a polvere di zenzero e un pezzo di buccia di mandarino, arancio o limone, al posto del caffè metti 1 cucchiaino di the o di tisana in foglie.
Lascia bollire come fai con il caffè e quando sarà uscito tutto lascia riposare per una decina di minuti. Versa poi in una tazza. A me non piace il caffè e questo the lo trovo una coccola mentre leggo o ascolto musica.
Si può fare anche semplicemente aggiungendo tutti ingredienti in un pentolino e poi filtrando se non possiedi una caffettiera, ma io adoro farlo nella caffettiera, mettere tutto al proprio posto, è diventato il mio rituale.


 

L’articolo sulla festa di Imbolc è finito, ma sotto trovi alcuni articoli correlati che possono esserti utili 🙂 

 

Vuoi scoprire come organizzare il tuo matrimonio in una delle feste antiche? Scarica il mio regalo per te e ricevi anche una mail per ogni festa con in regalo l’immagine della Dea da colorare 🙂


.

Scopri le altre feste della ruota dell’anno celtica, clicca sulla foto sotto

NOVITA’: Il libro sul matrimonio celtico!

Vuoi rendere sacro il tuo matrimonio nella Natura?

Sono la prima persona in Italia a parlare di matrimonio come un momento rituale importante e credo che sia fondamentale una riappropriazione dei momenti sacri della vita​ attraverso il potere trasformativo dei rituali e alla bellezza intrinseca delle tradizioni.

La guida al matrimonio celtico racchiude 7 anni di esperienza e oltre 10 anni di studi. Non si limita a offrire una semplice panoramica delle tradizioni, ma si propone come una guida completa per la creazione di ogni aspetto del matrimonio, dalla cerimonia alla festa, dalla ritualità al cibo. ​Una combinazione di storia, fonti, simbologia ed esempi pratici ​che promuove un approccio a​l​l’organizzazione del matrimonio ​personale e ispirata al passato, per creare ​u​na cerimonia unica che rifletta ​i​ tuoi valori.

Questo libro ti accompagnerà ​n​ella creazione di un matrimonio profondo, autentico e significativo.

Scopri LA GUIDA COMPLETA AL MATRIMONIO CELTICO

Sai cos'è la cerimonia simbolica?Voglio scoprirlo