Matrimonio celtico nei Colli Bolognesi

Genuinità è la parola che meglio descrive questo matrimonio. Elisa e Nino hanno reso il loro rito di passaggio nei colli bolognesi mozzafiato cogliendo dalla spontaneità del luogo e delle persone che li circondavano una gioia inebriante.

I Colli Bolognesi hanno fatto da cornice alla naturalezza del loro amore. Il territorio tra Bologna e Modena ci ha fatto viaggiare nel tempo e restare sospesi tra il verde degli alberi sparsi e il giallo paglierino del fieno. Borghi, castelli, castagneti e vigne, calanchi e antiche vie di mercanti e pellegrini hanno animato il loro giorno speciale.
A completare la narrazione quasi medievale sono stati poi i rievocazionisti e la meravigliosa conservazione architettonica dell’agriturismo. I primi ci hanno fatto rivivere i giochi e le battaglie passate, mentre il secondo ci ha trasportati in uno spazio di piacere con delle portate gustose fatte a mano.

Gli allestimenti erano pienamente coerenti con tutta la narrazione, ho sfruttato le piantine e il verde del posto per armonizzare l’altare e i tavoli con l’ambientazione pittoresca in cui ci trovavamo.
Quando Elisa e Nino sono entrati nel cerchio creato da amici e parenti, siamo entrati in una dimensione alternativa dove il caos del mondo era escluso, mentre i sorrisi e la spontaneità si manifestavano attraverso il loro amore.

Anche i vestiti di Elisa e Nino erano idilliaci, erano scalzi per poter far poggiare la pianta dei loro piedi al suolo e radicarsi e innestarsi forti dell’energia che li permeava.

Ciò che più mi ha resa felice di questa giornata è stato il creare così tanta bellezza contenendo i costi grazie al duplice lavoro, mio e degli sposi, di realizzare gli allestimenti a mano. Anche la collaborazione dell’agriturismo, che ha preparato il cibo con ingredienti gustosi e naturali, è riuscito a garantire la qualità ad un prezzo equilibrato.

Per capire a fondo la bellezza di questo giorno e del loro amore, avreste dovuto essere presenti, eppure con le foto che state per vedere potete meditare e visualizzare quel luogo, magari a immaginate di sposarvi o di banchettare con i vostri amici più sinceri. E mentre sarete a passeggiare dopo un pranzo che vi ha soddisfatti, godrete del panorama lì attorno e scorgerete lo stupendo albero delle fate che è stato adornato quel giorno da Elisa e Nino e dai loro invitati. Magari sentirete il cozzare delle spade durante la rievocazione e la connessione tra terra e cielo che si realizza nel vostro corpo e nella vostra mente. I vostri desideri, ora che avete trovato l’albero delle fate, sono più vicini a realizzarsi.

CREDITI

Wedding Planning and Design: Federica Cosentino Nature wedding plannerInstagram
Foto: Valeria FornoInstagram
Druido: Andrea CogerinoInstagram
Musica: Silvia Bonino
Location: Antina Pieve di Roffeno

Desideri maggiori informazioni?

Compila il modulo e ti risponderò al più presto

    Accetto le condizioni sul trattamento dei dati personali

    Sai cos'è la cerimonia simbolica?Voglio scoprirlo